AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Consigliati 
logo anyoptionRendimenti fino
al 94%


Opzioni Bubbles

Visita AnyOption

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

Crisi economica vs trading online

trading economia

Nel corso di questo articolo vorremmo rinfrescare la memoria sulle cause scatentnati della crisi economica che ha colpito il mondo a partire dall’anno 2008 per andare a verificare alla fine se una crisi di questo genere possa aver avuto o meno un impatto nel campo del trading on-line.

Come saprai la crisi prese avvio nel 2007 dagli stati uniti, inizialmente colpì il mercato immobiliare con lo scoppio di una grande bolla immobiliare al quale seguì una pesante crisi finanziaria, estesasi pian piano a tutto il mondo. In principio la crisi si è presentata come una recessione di carattere globale, che ha colpito tutto il mondo ad eccezione di paesi in fortissima espanzione economica come la Cina e l’India.

La crisi ha coinvolto numerosi e vasti campi dell’economia globale andando ad esempio ad alzare il prezzo delle materie prime (il petrolio in prima istanza), causando una grande crisi alimentare che ha minacciato e tutt’ora minaccia principalmente i paesi del terzo mondo, per finire in una crisi creditizia che ha coinvolto le banche con conseguente crisi dei mercati borsistici. E’ tenuta in grande considerazione dagli storici che la annoverano in una delle crisi più gravi della storia seconda soltanto alla “grande depressione”.

Le cause

Ma quali sono state le cause di questa crisi economica epocale? Sono ormai state individuate e portate al centro dell’attenzione due fattori scatentnati che si sono combinati: la deregolamentazione del sistema finanziario e l’eccesso di liquidità.

La progressiva deregolamentazione del sistema finanziario (in particolare statunitense) è cominciata negli anni ottanta ed è terminata nel 1999 con l’abolizione da parte dell’amministrazione Clinton del Glass Steagal Act (una legge di regolmanetazione delle banche). La deregolamentazione ha consentito il proliferare di innovazioni finanziarie sempre più sofisticate e opache che avrebbero in teoria dovuto distribuire e minimizzare il rischio, ma che in realtà hanno comportato la sempre maggiore divaricazione tra la presa di rischio e il rendimento atteso degli investimenti finanziari. Questo ha indotto gli investitori, a tutti i livelli, ad assumere comportamenti speculativi, e ad aumentare in maniera eccessiva il rapporto tra indebitamento e fondi propri (leverage).

Il secondo fattore che ha contribuito alla crisi è l’eccesso di liquidità causato in parte da fasi di politica monetaria (soprattutto negli Stati Uniti) eccessivamente accomodante, ma soprattutto dagli eccessi di risparmio di intere regioni del pianeta, come l’Asia orientale, i paesi del Golfo, e parte dell’Unione Europea. L’effetto combinato di mercati finanziari estremamente fluidi e di una massa di risparmio a basso costo in cerca di collocazione, è stato l’esplosione dell’indebitamento di famiglie e imprese americane; a questo si è aggiunto quello del governo degli Stati Uniti, coinvolto in due guerre estremamente costose (Iraq e Afghanistan), e in politiche di riduzione delle tasse per gli strati più ricchi della popolazione.

Ma questa crisi così profonda ha coinvolto o meno il campo del trading on-line? La risposta è no, anzi vi sono diversi casi di commercianti che hanno anche fatto tesoro di questa crisi portandola a diventare un vantaggio invece che causa di impoverimento. Il settore del trading on-line non conosce crisi infatti tu hai la possibilità di guadagnare a prescindere dall’andamento generale dell’economia, ma semplicemente sfruttando le oscillazioni quotidiane del mercato.

Le opportunità offerte dal trading online

L’instabilità dei mercati si tramuta facilmente in una grandissima opportunità di speculazione per riuscire ad ottenere ottimi profitti. Tutte le problematiche economiche che affliggono l’economia rendono volatile il mercato, dando quindi ai traders la possibilità di guadagnare attraverso le opzioni binarie. Cosa ancora più allettante è il fatto che quando una crisi è in atto venire a conoscenza di dati macroeconomici diventa molto più semplice perchè tutti ne parlano, i giornali pubblicano notizie relative all’argomento, gli esperti discutono di crisi e quindi le informazioni diventano molto fruibili, ma cosa più importante si discute anche di ciò che accadrà in futuro.

Conoscere le basi dell’analisi fondamentale e tutti i dati macroeconomici rappresentano informazioni chiave per trarre profitto dal commercio in opzioni binarie. Per esempio è facile per chiunque capire come l’andamento delle coppie di valute sia collegato all’andamento di importanti materie prime. Facciamo un esmpio pratico, se da dati sicuri puoi venire a conoscenza del fatto che l’euro sta per scendere di valore è logico supporre che il dollaro salirà. Il dollaro a sua volta andrà ad influenzare altri asset come il petrolio, se il dollaro sale il prezzo del greggio infatti calerà. Ciò significa che tu puoi effettuare non 1 ma ben 3 investimenti di successo partendo da una sola inforamzione certa come quella del deprezzamento dell’euro.

Come vedi anche in tempi di crisi operare sui mercati finanziari grazie al trading on-line non solo permette di continuare a guadagnare, ma addirittura aumentare i profitti, grazie a notizie e dati ben delineati che permettono di prevedere in sicurezza i movimenti dei prezzi abbassando considerevolmente i margini di rischio.

Sei a digiuno di trading? Vai a scuola

Se non hai molte conoscenze di trading online ti consigliamo, prima di cominciare, di utilizzare un conto demo, così da fare pratica ed acquisire quante più informazioni possibili, solo così potrai infatti avere una visione più ampia del mercato e capire quali sono i fattori che ne influenzano i movimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *